TEAM

DIREZIONE ARTISTICA

Achille Schiavone - profilo 1Achille Schiavone – Sono nato a Torino nel 1972 da genitori emigrati da Montaguto (AV) un piccolo paese delle montagne irpine. Il mio essere attivista Queer è passato attraverso varie fasi, tra cui la partecipazione alle attività del Circolo Maurice LGBTQ di Torino e al gruppo TurinOrto di orticoltura urbana. Fin da bambino, seguendo qualche volta mia madre al lavoro, sono stato a contatto con moltissime persone con diversabilità psico-fisiche: un’esperienza straordinaria di crescita vissuta nell’epoca dell’infanzia. Veterinario appassionato di cinema, insegno alimentazione animale presso l’Università di Torino, mi occupo di salvaguardia della biodiversità avicola e convivo con due gatti favolosi: Leo e Brio.

Murat Cinar –  giornalista, videomaker, formatore e fotografo freelance. Dopo aver studiato Finanza Internazionale in Turchia, nel 2002 si trasferisce in Italia, dove si specializza in riprese e montaggio video, fotografia e giornalismo. Collabora con diverse testate turche, fra cui KaosGL, BiaNet e Sendika.org, e con periodici, agenzie di stampa ed emittenti radiofoniche italiane come Pressenza, Caffe dei Giornalisti, Il Manifesto, Città Futura Online, Gariwo, OgZero, TgCom24, Radio Onda d’Urto, Radio Onda Rossa e Radio Blackout. Ha scritto “Una guida per comprendere la storia contemporanea della Turchia” (Simple 2016) e “Ogni luogo è Taksim” (Rosenberg&Sellier 2018), con Deniz Yücel. Uno degli fondatori del FestiLav (Festival Cinematografico dei Lavoratori) e l’anima turca della direzione artistica del Divine Queer Film Festival.

Veet Sandeh – Nasce nel 1964 a Catania e nel 1979 si trasferisce a Torino che diventa la sua città di adozione. Attivista queer da oltre 30 anni, artista eclettica. Si è sperimentata in teatro, danza e cinema con la realizzazione del suo docudrama “Metamorfosi, la strada dell’eccesso porta al palazzo della saggezza” che nel 2015 compie 10 anni. Maestra in discipline olistiche e facilitatrice di meditazione. Dopo l’improvvisa dipartita della favolosa Gina la barboncina, Sandeh ha adottato Nanà, una piccola Brabantino Belga che gli ha riempito di nuova vita i giorni.

MADRINA 2022

Valentine aka Fluida Wolf è una drag-bitch e traduttrice militante. Nata a Londra, classe 1984, ha vissuto tra Inghilterra, Italia e Spagna. Transfemminista, antifascista e attivista postporno. I suoi principali interventi riguardano le sessualità e i corpi dissidenti dalla norma, la postpornografia, il sex work, la lotta alla violenza di genere, le relazioni queer, la denuncia del razzismo sistemico e l’intersezionalità delle lotte. Crede fortemente nella potenzialità del corpo come strumento di conoscenza, rafforzamento e crescita personale e al contempo arma politica collettiva. E’ autrice di “Postporno”, Eris Edizioni, Torino 2020.

COLLABORAT*

rick per DQFF

Riccardo Zucaro – ufficio stampa. Classe 1987, copywriter, addetto stampa e social media manager. Dal 2014 lavora nell’ambito del Terzo Settore con associazioni LGBTQIA+ e non, con progetti in ambito di diritti umani, rigenerazione urbana e artistica, supporto ai soggetti marginalizzati.

Tosca Cellini – social media manager. classe 1999 si sta per laureare in Scienze della Comunicazione all’università degli Studi di Torino. Entra in Arcigay Torino 2017 dove gestisce la comunicazione social, fa parte del consiglio direttivo ed è membro attivo del gruppo formazione.

susi 2 DQFFSusi Monzali – selezionatrice. A Susi piace aprire finestre e provocare correnti d’aria che scompigliano i capelli e le idee. Lavorando in giro per il mondo ha l’opportunità di conoscere persone ed esperienze tra cui crea ponti, scambi, mescolanze. È quello che fa il cinema indipendente che travalica le frontiere, cambia vecchi paradigmi, mescola linguaggi superando stereotipi, generando nuovi immaginari, mettendo in luce realtà in ombra, offrendo nuovi orizzonti. Per lei Divine Queer Film Festival è un buon terreno per sperimentazioni di meticciato culturale.

Simone Li Gregnidigital content manager. Torino 1980, laureato in Comunicazione Interculturale e appassionato di fotografia da molti anni, grazie agli studi inizia a concepire l’immagine come strumento di studio e comprensione dell’altro. Sperimenta e attua questo approccio in tutti i suoi fotoreportage.

GIURIA

foto indrit DQFF2019Indrit Aliu – Nato in Albania, classe 1979. Mi manca il mare, ma la Liguria è vicina. Come mediatore interculturale/educatore ho avuto modo negli anni, di incontrare molte persone, che hanno lasciato un segno in me. Il tutto visibile per chi, 20 anni fa, ha conosciuto un ragazzino omofobo, che è passato dal machismo balcanico a fare il formatore su intercultura e intersezionalità.  Oltre a ciò sono anche laureato in storia e critica del cinema, il che non guasta.

MaraS 1Mara Signori – Torinese, figlia e nipote di emigranti di ritorno, che le hanno trasmesso un approccio curioso e aperto verso il mondo (“nostra patria è il mondo intero”). Laureata in Storia dell’America Latina, con un’attenzione particolare ai post colonial studies inerenti le ex colonie caraibiche e africane. Da più di venticinque anni organizza eventi culturali, e dal 2004 le collaborazioni con “Cinema Giovani”, ormai divenuto “Torino Film Festival”, si trasformano in attività continuativa, come assistente alla Direzione.

Grazia Fainelli detta Grace, nata a Torino nel 1991, è una copywriter ed esperta di comunicazione. Appassionata di storie, in tutte le loro forme, e del loro potere di cambiare il mondo. Attivista culturale e membro del direttivo creativo Black History Month Torino, festival torinese nato per dare voce alle soggettività afrodiscendenti del territorio.